[responsive-menu]
English English version
seguici su facebook

Informa Arezzo: “Enzo Tortora, una ferita italiana” il 18 Aprile 2016

LiberAperta, associazione liberale, libertaria e radicale, è lieta di comunicare che il 18 aprile 2016 alle 21.15 al cinema Eden si terrà la proiezione del docufilm di Ambrogio Crespi ENZO TORTORA UNA FERITA ITALIANA.

Il regista sarà presente all’evento con ingresso gratuito presentato dal direttore di Informarezzo Paolo Casalini. Alla proiezione seguirà un dibattito su questa vicenda di cui si torna a parlare sia da un punto di vista umano che storico a 30 anni dall’arresto di Enzo Tortora e a 25 anni dalla sua morte anche grazie alle inedite lettere dal carcere. Una vicenda che è ancora oggi di estrema attualità pensando allo stato della giustizia italiana
La cittadinanza tutta è invitata a partecipare

 

FONTE: INFORMA AREZZO

Perugia, proiezione del docufilm “Enzo Tortora, una ferita italiana” organizzata da Radicali Italiani

Perugia_tortora_2016
Prosegue il Tour organizzato da Radicali Italiani per la proiezione del docufilm “Enzo tortora, una ferita italiana”, giovedì 25 febbraio la proiezione ha avuto luogo a Perugia con il supporto di Radicali Perugia

Sono intervenuti: Michele Guaitini (segretario di radicaliperugia.org,), Andrea Maori (tesoriere di radicaliperugia.org), Ambrogio Crespi (regista, blogger), Carlo Fiorio (docente di Diritto Processuale Penale all’Università degli Studi di Perugia), Francesco Falcinelli (presidente della Camera Penale di Perugia), Michele Capano (avvocato, componente della Direzione Nazionale di Radicali Italiani), Gatti Francesco (avvocato), Giuseppe Moscati (presidente dell’Associazione Nazionale “Amici di Aldo Capitini”), Mario Albi (membro dell’associazione RadicaliPerugia.org).

Milano, “Enzo Tortora, una ferita italiana” la proiezione organizzata da Radicali Italiani

Milano_23_febbraio
Ha avuto luogo il 23 febbraio 2016 presso la “Ex Fornace in Alzaia Naviglio Pavese a Milano la proiezione del docufilm “Enzo Tortora, una ferita italiana”, organizzata da Radicali Italiani e di cui Radio radicale ha effettuato la registrazione video.

Al dibattito organizzato da Radicali Italiani, che ha avuto luogo alla fine della proiezione sono intervenuti:

Sono intervenuti: Alessio Alberti (coordinatore FutureDem della Lombardia), Lorenzo Strik Lievers (docente di Storia contemporanea all’Università di Milano Bicocca, già parlamentare radicale, Radicali Italiani), Sergio Luciano (giornalista, direttore di Panorama economy), Rinaldo Romanelli (avvocato, consigliere della Giunta dell’Unione delle Camere Penali Italiane), Alessandro Giungi (presidente della Commissione Carceri del Comune di Milano, Partito Democratico), Beniamino Migliucci (Presidente dell’Unione delle Camere Penali Italiane), Vittorio Feltri (giornalista de Il Giornale), Ambrogio Crespi (regista, blogger).

Torino proiezione del docufilm “Enzo Tortora, una ferita italiana” organizzata da Associazione Radicale Adelaide Aglietta e Radicali Italiani

TORINO_22_FEBBRAIO
Presentazione a Torino del docufilm “Enzo Tortora, una ferita italiana” di Ambrogio Crespi organizzata dall’associazione radicale Adelaide Aglietta di Torino e Radicali Italiani.

Sono intervenuti: Giovanni Torrente (vice presidente della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia), Igor Boni (coordinatore dell’Associazione Radicale “Adelaide Aglietta” di Torino, Radicali Italiani), Mauro Anetrini (avvocato), Gigi Marsico, Ambrogio Crespi (regista, blogger).

Alla proiezion ha fatto seguto un dibattito

Reggio – Iniziativa per ricordare Enzo Tortora a 27 anni dalla scomparsa

A 27 anni dalla scomparsa di Enzo Tortora, l’associazione culturale “Anassilaos”, in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria e la locale Camera Penale “G. Sardiello”, ha deciso di ricordarlo con un’iniziativa pubblica presso la Sala Giuditta Levato del Consiglio regionale della Calabria per lunedì 25 maggio 2015 alle ore 16.30, con la proiezione del docu-film di Ambrogio Crespi “Enzo Tortora: Una Ferita Italiana”.

L’evento sarà preceduto dai saluti del presidente dell’Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria, avv. Alberto Panuccio, del consigliere regionale, arch. Nicola Irto, del presidente della Camera Penale reggina, avv. Emanuele Genovese, e del vice presidente “Anassilaos”, Paolo Morabito.

Dopo la proiezione, gratuita ed aperta a tutti, del docu-film, sul “cosa sia cambiato da allora e cosa ci abbia lasciato il caso Tortora” ne discuteranno l’avv. Carlo Morace, Vice presidente dell’Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria, l’avv. Gianpaolo Catanzariti, ref. territoriale Osservatorio Carcere dell’Unione Camere Penali Italiane, e l’avv. Armando Veneto, presidente della Camera Penale di Palmi.

La vicenda drammatica del noto presentatore televisivo, arrestato clamorosamente il 17 giugno 1983 ed al centro del più eclatante scandalo giudiziario della Repubblica italiana, che ha coinvolto l’intera nazione al punto da imporre un referendum sulla responsabilità civile dei magistrati vinto con l’adesione della stragrande maggioranza degli italiani, poi tradito in Parlamento, vuole essere un modo per ricordare che troppe volte la Giustizia rimane una ferita aperta che nessuno può immaginare di mettersi semplicemente dietro le spalle.

http://www.strill.it/citta/2015/05/reggio-iniziativa-per-ricordare-enzo-tortora-a-27-anni-dalla-scomparsa/

Area Liberal, un incontro sulla riforma della giustizia

Domani sera alle 21, a Corte Molon in lungadige Attiraglio, Area Liberal, associazione fondata dal consigliere comunale Giorgio Pasetto, presenta il docufilm del regista milanese Ambrogio Crespi “Enzo Tortora, una ferita italiana”. Al termine della proiezione, di un’ora, dibattito sui piani del Governo, sulla riforma della Giustizia, oggi in mano al ministro Andre Orlando. Al tavolo dei relatori, insieme al registra e a Giorgio Pasetto, saranno presenti il sindaco Flavio Tosi e l’avvocato veronese Marco Bastianello. Modera l’avvocato Fabio Zambelli.

A trent’anni dall’arresto di Enzo Tortora e a 25 dalla sua morte, questo docufilm è un tentativo di riaccendere la memoria su un caso che mise la politica dell’epoca con le spalle al muro rispetto alle responsabilità della giustizia italiana. La domanda posta ai protagonisti del docufilm è: “Dopo 30 anni, cosa è cambiato?”. (Le lettere dal calcere contenute del film sono inedite).

Il regista Ambrogio Crespi è nato a Milano nel 1970. Ha lavorato alla produzione di spot pubblicitari per grandi aziende italiane e internazionali. Nel 2013 realizza “Enzo Tortora, una ferita italiana”, docufilm con cui nel 2014 ha vinto il Salento International Film Festival nella sezione documentari. Del 2014 il suo ultimo docufilm: “Capitano Ultimo, le ali del falco”, con Raoul Bova. E’ direttore editoriale di www.italia-24news.it. L’incontro è aperto al pubblico e a ingresso libero.

Fonte: L’Arena

“Enzo Tortora, una ferita italiana” a Verona

Enzo Tortora, una ferita italiana” approda a Verona. Sarà proiettato domani sera alle 21:00 presso la Corte Molon, sul Lungadige Attiraglio, in una serata evento organizzata del consigliere comunale Giorgio Pasetto. Nel corso del dibattito che seguirà, alla presenza del regista Ambrogio Crespi e del sindaco Flavio Tosi, si potrà entrare nel merito del racconto della vita esemplare di Tortora, ricordandone le tristi vicissitudini giudiziarie.

Un’occasione, spiega Pasetto intervistato da Data24News, per parlare anche dei recenti sviluppi in fatto di giustizia e per rispondere all’annosa domanda: “quanto è cambiato da allora?”.

Continua a leggere su: Data24News

 

Tortora di Ambrogio Crespi a Verona, con Tosi e il consigliere Pasetto

Enzo Tortora, una ferita italiana” arriva anche a Verona. Mercoledì 11 marzo alle ore 21:00, il docufilm di Ambrogio Crespi sarà proiettato anche nella città scaligera presso la Corte Molon, sul Lungadige Attiraglio.

A volere la proiezione e ad organizzare l’evento, il consigliere comunale Giorgio Pasetto che interverrà in rappresentanza dell’amministrazione, assieme al sindaco Flavio Tosi, nel corso del dibattito conclusivo che vedrà, ovviamente, anche la presenza del regista che sta accompagnando il docufilm in tutte le tappe di questo lunghissimo tour in giro per l’Italia.

L’occasione della proiezione, ancora una volta, consentirà di riportare all’attualità del racconto filmico, la vicenda emblematica del presentatore di Portobello, divenuto, suo malgrado una icona della malagiustizia italiana. Sarà anche l’occasione per interrogarsi sullo stato della giustizia in Italia e per guardare con un occhio obiettivo e mai di parte a una storia che ha segnato il passato recente del nostro paese, e che non può assolutamente essere dimenticata.

Fonte: Veneto24News

Domani proiezione del docufilm su Enzo Tortora

L’appuntamento col docufilm “Enzo Tortora, una ferita italiana” del regista Ambrogio Crespi prodotto dal Gruppo Datamedia è fissato per domani, alle ore 18, presso la sala consiliare del Comune di Qualiano. Il docufilm è già stato proiettato al Parlamento italiano, ed a quello europeo, nelle scuole italiane, nelle università italiane ed anche in quelle inglesi e francesi. Un tour in tutta Italia che da più di un anno non si ferma, raccogliendo applausi e critiche positive. La pellicola – che tra gli altri riconoscimenti ha vinto il prestigioso “Salento International Film Festival” e ha ricevuto il Premio d’eccellenza campana della kermesse “E’ moda… Pozzuoli” – ripercorre il più disastroso errore giudiziario della storia italiana: l’arresto e la condanna (in primo grado) del conduttore di “Portobello”, indicato dai pentiti della camorra Pasquale Barra (scomparso qualche giorno fa), Qianni Melluso e Giovanni Pandico, quale affiliato alla Nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo. L’opera ripercorre tutte le fasi processuali e investigative più importanti dell’odissea giudiziaria di Tortora fino all’assoluzione in Appello e Cassazione con interviste ai protagonisti dell’epoca.

Fonte: Il Giornale di Napoli

Responsabilita’ toghe: Gozi, lo dovevamo agli italiani

“Era giusto modificare la legge sulla Responsabilita’ civile dei magistrati, per rendere piu’ giusta e piu’ reale la giustizia italiana” Cosi’ Sandro Gozi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, in una intervista rilasciata a Data24News, all’indomani dell’approvazione della legge sulla Responsabilita’ civile delle toghe. “Le grandi questioni che interessano la societa’, come quella della Giustizia, vanno affrontate in maniera piu’ laica di quanto non si sia fatto in questi ultimi venti anni. Altrimenti e’ impossibile parlare di giustizia e di riforma della giustizia nell’interesse degli italiani. Noi crediamo, invece, che una riforma della giustizia sia necessaria e che sia importante parlarne” spiega ancora il Sottosegretario. “Quel dibattito che abbiamo anche noi contribuito ad avviare, proprio partendo dal docufilm di Ambrogio Crespi su Enzo Tortora, sono convinto che abbia in qualche modo aiutato verso questo obiettivo”, conclude.

Fonte: Ansa

12332