[responsive-menu]
English English version
seguici su facebook

RESPONSABILITA’ TOGHE. GOZI (PD): LO DOVEVAMO AGLI ITALIANI

MERITO ANCHE DIBATTITO APERTO CON DOCUFILM CRESPI SU TORTORA (DIRE) Roma, 26 feb.

“Era giusto modificare la legge sulla Responsabilita’ civile dei magistrati, per rendere piu’ giusta e piu’ reale la giustizia italiana”. Cosi’ Sandro Gozi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, in una intervista rilasciata a Data24News, all’indomani dell’approvazione della legge sulla Responsabilita’ civile delle toghe. “Le grandi questioni che interessano la societa’, come quella della Giustizia, vanno affrontate in maniera piu’ laica di quanto non si sia fatto in questi ultimi venti anni. Altrimenti e’ impossibile parlare di giustizia e di riforma della giustizia nell’interesse degli italiani. Noi crediamo, invece, che una riforma della giustizia sia necessaria e che sia importante parlarne” spiega ancora il Sottosegretario. “Quel dibattito che abbiamo anche noi contribuito ad avviare, proprio partendo dal docufilm diAmbrogio Crespi su Enzo Tortora, sono convinto che abbia in qualche modo aiutato verso questo obiettivo”, conclude.

Fonte: Dire

 

Gozi (Pd): responsabilità toghe? Lo dovevamo agli italiani

Merito anche dibattito aperto con docufilm Crespi su Tortora”. Roma, 26 feb. (askanews)

“Era giusto modificare la legge sulla Responsabilità civile dei magistrati, per rendere più giusta e più reale la giustizia italiana” Così Sandro Gozi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, in una intervista rilasciata a Data24News, all’indomani dell’approvazione della legge sulla Responsabilità civile delle toghe. “Le grandi questioni che interessano la società, come quella della Giustizia, vanno affrontate in maniera più laica di quanto non si sia fatto in questi ultimi venti anni. Altrimenti è impossibile parlare di giustizia e di riforma della giustizia nell’interesse degli italiani. Noi crediamo, invece, che una riforma della giustizia sia necessaria e che sia importante parlarne”, spiega ancora il sottosegretario. “Quel dibattito che abbiamo anche noi contribuito ad avviare, proprio partendo dal docufilm di Ambrogio Crespi su Enzo Tortora, sono convinto che abbia in qualche modo aiutato verso questo obiettivo”.

Fonte: Askanews

RESPONSABILITA’ TOGHE, GOZI (PD): LO DOVEVAMO AGLI ITALIANI

“Era giusto modificare la legge sulla Responsabilità civile dei magistrati, per rendere più giusta e più reale la giustizia italiana” Così Sandro Gozi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, in una intervista a Data24News, all’indomani dell’approvazione della legge sulla Responsabilità civile delle toghe. “Le grandi questioni che interessano la società, come quella della Giustizia, vanno affrontate in maniera più laica di quanto non si sia fatto in questi ultimi venti anni. Altrimenti è impossibile parlare di giustizia e di riforma della giustizia nell’interesse degli italiani. Noi crediamo, invece, che una riforma della giustizia sia necessaria e che sia importante parlarne” spiega ancora il sottosegretario. Ed ha aggiunto: “Quel dibattito che abbiamo anche noi contribuito ad avviare, proprio partendo dal docufilm di Ambrogio Crespi su Enzo Tortora, sono convinto che abbia in qualche modo aiutato verso questo obiettivo”.

Fonte: 9Colonne

Responsabilità civile, Gozi (PD): lo dovevamo agli italiani. Merito anche del dibattito aperto con docufilm di Ambrogio Crespi su Tortora

“Era giusto modificare la legge sulla Responsabilità civile dei magistrati, per rendere più giusta e più reale la giustizia italiana”. E’ soddisfatto, Sandro Gozi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega agli affari europei: l’Italia ha fatto un importante passo in avanti e si è messa in regola di fronte all’Europa, che già ci aveva condannato per il mancato rispetto dei principi generali di responsabilità.

Si deve parlare di riforma della giustizia nell’interesse degli italiani, e quindi in maniera più laica di come non si sia affrontato fino ad ora questo argomento, sostiene Gozi, che chiarisce così l’importanza di un grande dibattito sul tema che lui stesso tra i primi ha sostenuto e portato avanti, anche partendo dal docufilm di Ambrogio Crespi su Enzo Tortora, emblema della malagiustizia in Italia e primo propulsore della necessità di riformare la legislazione sulla responsabilità civile delle toghe.

Intervistato da Data24News, l’esponente del Governo spiega perché questa legge è tanto importante e come influenzerà in concreto la vita dei cittadini.

Continua a leggere su Data24News

Responsabilità toghe, Verini (Pd): “documfilm Tortora importante contributo”

“Chiunque si sia battuto in buona fede, e non con attacchi frontali alla magistratura ha contribuito enormemente all’approvazione della responsabilità civile dei magistrati. Denunce civili come il film di Ambrogio Crespi sul caso Tortora o le battaglie dei Radicali sono stati importanti per questo passaggio”. Lo dichiara il deputato del Pd e capogruppo della Commissione Giustizia, Walter Verini in una lunga intervista rilasciata al quotidiano online Tazebao News. “L’approvazione della responsabilità civile dei magistrati – continua Verini – è un pezzo importante della riforma della giustizia che potrà dirsi completa quando avremmo approvato tutti i provvedimenti che riguardano il processo civile, le norme sul processo penale a partire da quelle che riguardano corruzione e reati contro la pubblica amministrazione. La norma approvata – aggiunge – consente ai cittadini che ritengono di aver subito un grave torto di fare ricorso e vedersi risarciti i danni. Inoltre, evitando la responsabilità diretta che secondo noi avrebbe potuto suonare come intimidatoria, permette di tutelare l’autonomia e l’indipendenza dei magistrati. Il ricorso –conclude- si potrà fare e potrà essere vinto solo in casi di grave dolo e di grave negligenza, o in caso di travisamento macroscopico di prove e fatti, cioè in casi davvero seri di negligenza dei magistrati”.

Fonte: AgenParl

GIUSTIZIA: VERINI “DOCUMFILM TORTORA DI CRESPI CONTRIBUTO PER RIFORMA”

“Chiunque si sia battuto in buona fede, e non con attacchi frontali alla magistratura ha contribuito enormemente all’approvazione della responsabilita’ civile dei magistrati. Denunce civili come il film di Ambrogio Crespi sul caso Tortora o le battaglie dei Radicali sono stati importanti per questo passaggio”. Lo dichiara il deputato del Pd e capogruppo della Commissione Giustizia, Walter Verini in una lunga intervista rilasciata al quotidiano online Tazebao News. “L’approvazione della responsabilita’ civile dei magistrati – continua Verini – e’ un pezzo importante della riforma della giustizia che potra’ dirsi completa quando avremmo approvato tutti i provvedimenti che riguardano il processo civile, le norme sul processo penale a partire da quelle che riguardano corruzione e reati contro la pubblica amministrazione. La norma approvata – aggiunge – consente ai cittadini che ritengon o di aver subito un grave torto di fare ricorso e vedersi risarciti i danni. Inoltre, evitando la responsabilita’ diretta che secondo noi avrebbe potuto suonare come intimidatoria, permette di tutelare l’autonomia e l’indipendenza dei magistrati. Il ricorso -conclude- si potra’ fare e potra’ essere vinto solo in casi di grave dolo e di grave negligenza, o in caso di travisamento macroscopico di prove e fatti, cioe’ in casi davvero seri di negligenza dei magistrati”.

Fonte: Italpress

Responsabilita’ toghe, Verini (Pd): documfilm Tortora di crespi contributo per riforma

“Chiunque si sia battuto in buona fede, e non con attacchi frontali alla magistratura ha contribuito enormemente all’approvazione della responsabilita’ civile dei magistrati. Denunce civili come il film di Ambrogio Crespi sul caso Tortora o le battaglie dei Radicali sono stati importanti per questo passaggio”. Lo dichiara il deputato del Pd e capogruppo della Commissione Giustizia, Walter Verini in una lunga intervista rilasciata al quotidiano online Tazebao News. “L’approvazione della responsabilita’ civile dei magistrati – continua Verini – e’ un pezzo importante della riforma della giustizia che potra’ dirsi completa quando avremmo approvato tutti i provvedimenti che riguardano il processo civile, le norme sul processo penale a partire da quelle che riguardano corruzione e reati contro la pubblica amministrazione. La norma approvata – aggiunge – consente ai cittadini che ritengono di aver subito un grave torto di fare ricorso e vedersi risarciti i danni. Inoltre, evitando la responsabilita’ diretta che secondo noi avrebbe potuto suonare come intimidatoria, permette di tutelare l’autonomia e l’indipendenza dei magistrati. Il ricorso -conclude- si potra’ fare e potra’ essere vinto solo in casi di grave dolo e di grave negligenza, o in caso di travisamento macroscopico di prove e fatti, cioe’ in casi davvero seri di negligenza dei magistrati”.

Fonte: Il Velino

Giustizia, Michela Rostan: “Con nuova legge concetto di responsabilità più tangibile”

La riforma sulla quale si discute da anni, quella sulla responsabilità civile dei magistrati, è passata all’esame della Camera diventando legge. Il premier Renzi ha esultato tramite Twitter: “Anni di rinvii e polemiche, ma oggi la responsabilità civile dei magistrati è legge!”

Si tratta infatti di una vittoria per tutti quei cittadini che sono stati vittime di una malagiustizia, e che ora vedono per la prima volta anche pagare un sistema che sbaglia per i propri errori, come accade per il resto delle altre corporazioni. Un caso emblematico resta quello di Enzo Tortora, vittima di un terribile errore giudiziario, di cui si ha testimonianza nel docufilm realizzato da Ambrogio Crespi, “Enzo Tortora, una ferita italiana”, un film che oltre a far luce sui fatti storici dell’epoca lascia un segno indelebile nella memoria collettiva.

Grazie alla nuova legge la giustizia sarà meno ingiusta e i cittadini maggiormente tutelati. Per capire meglio di cosa si tratti abbiamo intervistato l’onorevole Michela Rostan, esponete del Partito democratico.

Continua a leggere su Italia24News

Responsabilità toghe, Verini (Pd): importanti le denunce civili come docufilm di Ambrogio Crespi su Tortora e le battaglie Radicali

L’approvazione della responsabilità civile dei magistrati è un pezzo importante della riforma della giustizia che potrà dirsi completa quando avremo approvato tutti i provvedimenti che riguardano il processo civile, le norme sul processo penale a partire da quelle che riguardano corruzione e reati contro la pubblica amministrazione. E ancora quando combatteremo le lentezze della macchina giudiziaria che davvero sono insostenibili per i cittadini e per le imprese”.

L’onorevole Walter Verini commenta così, in una intervista a Tazebaonews, l’approvazione della legge sulla responsabilità delle toghe, che va a riformare la situazione dopo 27 anni di legge Vassalli.

Un passo avanti di cui, spiega Verini, si deve rendere il merito anche alla cultura e alla società civile, e alla lotta, fondamentale, per i diritti civili.

“Chiunque si sia battuto in buona fede, e non con attacchi frontali alla magistratura come certe forze politiche, ha contribuito enormemente all’approvazione della responsabilità civile dei magistrati. Denunce civili come il film di Ambrogio Crespi sul caso Tortora o le battaglie dei Radicali sono stati importanti per questo passaggio”, spiega. “Questa legge tiene insieme l’autonomia della magistratura e il diritto dei cittadini ad essere risarciti. Il ruolo di Crespi, della cultura, del cinema sono stati stimoli importanti”.

Continua a leggere su Data24News

Responsabilità civile dei magistrati, Walter Verini: dalla cultura e dal film su Tortora di Ambrogio Crespi un importante contributo

Il nostro Parlamento ha finalmente scritto una pagina fondamentale per i tanti, troppi cittadini vittime della malagiustizia e beffati da un sistema che non paga mai per i propri errori.

La Camera dei deputati, infatti, ha approvato martedì sera il provvedimento sulla responsabilità civile dei magistrati, che riforma la legge Vassalli del 1988 mantenendo l’impostazione di responsabilità indiretta e permette ai cittadini di citare lo Stato che, a sua volta, può rivalersi nei confronti del giudice in casi di negligenza o trasvisamento di prove o fatti.

Si tratta quindi di una legge che rende finalmente la “giustizia più giusta”, una legge alla cui approvazione hanno contribuito enormemente gli anni di battaglie dei Radicali e anche la cultura, come ad esempio il docufilm  “Enzo Tortora, una ferita italiana” di Ambrogio Crespi, che racconta il caso di malagiustizia più emblematico della storia, attraverso uno sguardo lucido e obiettivo e le parole dei protagonisti. Di questo ne è convinto Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia, intervistato oggi dalla nostra redazione in merito alla responsabilità civile dei magistrati.

Continua a leggere su Tazebaonews 

12332